stufa a pellet

Cosa dovreste sapere prima di comprare una stufa a pellet?

La stufa a pellet è stata introdotta sul mercato come una soluzione per il riutilizzo del materiale di scarto del legno. Si presenta come un sistema di riscaldamento efficiente. Attualmente, si rivela inoltre una soluzione complementare per chi ha scelto di contare su un impianto fotovoltaico.

Di certo, questi sono già dei buoni motivi per decidere di iniziare ad utilizzare una stufa a pellet. Tuttavia, prima di effettuare l’acquisto, è necessario conoscere alcune informazioni essenziali. Queste ultime consentiranno di evitare di effettuare un investimento sbagliato e di ritrovarsi con un riscaldamento insufficiente o mal distribuito nell’ambiente domestico e/o lavorativo. Entriamo nel dettaglio.

Le tipologie di apparecchi da considerare

Non tutte le stufe a pellet sono uguali. Infatti, esistono diversi modelli, ognuno con delle specifiche tecniche da non sottovalutare. Le tipologie si dividono in stufe ad aria, ad aria canalizzata oppure in termostufe a idro pellet. Le differenze fra i vari tipi sono sostanziali e per questo vanno accuratamente valutate prima di un eventuale acquisto.

Le stufe ad aria

Questi dispositivi vantano un funzionamento piuttosto semplice: usando il pellet come combustibile, immettono aria calda nell’ambiente tramite l’uso di una ventola. Generalmente vengono impiegate in ambienti open space o dove non è necessario incanalare il calore per evitare di surriscaldare un’unica stanza per poi avere le altre fredde. Ovviamente, va calcolata la potenza della stufa: sotto i 6kw non può arrivare a scaldare neanche 60 metri quadri.

Le stufe ad aria canalizzata

L’alternativa alla stufa a pellet ad aria è quella “incanalata“. Essa funziona tramite un sistema di tubi, solitamente inserito nel pavimento o posizionato all’interno di finte colonne o delle pareti. Grazie a questo sistema, l’aria prodotta dalla stufa viene spinta dalla ventola e poi ripartita nell’intero appartamento, uniformando il riscaldamento. Il costo di questo apparecchio è superiore, ma chiaramente è una soluzione più efficiente rispetto alla precedente.

stufa a pellet

Le termostufe

Le termostufe a idropellet sono probabilmente la soluzione di punta per chi gode di un impianto di riscaldamento solare. Possono essere collegate alla caldaia già esistente e permettere di evitare l’uso di gas per riscaldare le stanze, sfruttando l’impianto presente.

Le termostufe devono essere selezionate in base alla grandezza dell’appartamento. Una particolare attenzione va posta inoltre nel posizionamento della stufa stessa: possibilmente dev’essere posizionata in ambienti dove il riscaldamento prodotto non alzerà troppo la temperatura.

Alcuni accorgimenti

Ora che conoscete le differenze tra le varie tipologie di stufa a pellet, potrete di certo fare una scelta più oculata. A questo punto, però, dovreste inoltre sapere che la manutenzione di alcune stufe a pellet dev’essere abbastanza frequente. La pulizia e il recupero della cenere in eccesso sono operazioni che devono essere eseguite spesso per evitare d’intasare la stufa a pellet. Inoltre, l’installazione della canna fumaria dev’essere fatta con minuziosità e con sfiato sulla copertura dell’edificio, pena la violazione delle normative di legge ed eventuali provvedimenti in merito, costosi e invasivi.

I nostri suggerimenti finali

Per effettuare la scelta migliore, il nostro consiglio è quello di farsi aiutare da tecnici specializzati, così da poter effettuare il giusto acquisto e non avere problemi in fase d’installazione. Su 121 Store potrete trovare numerose soluzioni e scegliere una stufa a pellet di qualità. Contattandoci potrete ottenere il nostro supporto e la nostra consulenza personalizzata. Vi aspettiamo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *