caldaie

Tipi di caldaie, consumi e caratteristiche

Le caldaie ci propongono il metodo di riscaldamento più diffuso in tutte le case del nostro Paese. Sono molte le tipologie di caldaie esistenti, suddivise per combustibile usato, potenza e funzionalità. Proprio per questo, destreggiarsi fra modelli, consumi e caratteristiche diventa un’impresa difficile. Per fare la scelta giusta, è dunque necessario conoscere alcune informazioni fondamentali. Scopriamole subito!

Le tipologie di caldaia in base al combustibile

Come ben sapete, una delle prime scelte da effettuare per la caldaia è questa: la desiderate a metano, a gasolio, a pellet, a legna o con altri tipi di combustibile? La scelta è estremamente personale. Tuttavia, se si dispone del collegamento a metano, sicuramente un dispositivo alimentato con questa fonte di energia è il più indicato. D’altra parte, il GPL o il gasolio potrebbero essere favoriti per altri motivi, magari per un uso occasionale e per chi vuole assicurarsi una manutenzione meno onerosa.

Le stufe a biomassa, invece, si presentano come una scelta più ecologica ma con meno efficienza di riscaldamento, uno svantaggio che però può essere combattuto grazie ai più bassi prezzi dei combustibili.

Le tipologie in base al sistema: a condensazione o tradizionale

Nelle caldaie dove è presente il cosiddetto “sistema di condensazione” si verifica un processo di funzionamento decisamente migliore rispetto alle caldaie tradizionali. La condensazione è infatti un sistema atto a recuperare i vapori di calore prodotti dalla combustione e a riutilizzarli per scaldare l’aria o l’acqua, così da ottimizzare l’uso del combustibile e ridurre i consumi. Per questi motivi, al momento è una delle soluzioni preferite, anche per quanto riguarda l’installazione negli edifici di nuova costruzione.

Le tipologie in base alla potenza

In ultimo, quando si decide di acquistare una caldaia, è necessario capire che la potenza dell’apparecchio è molto importante e che, anche qui, ne esistono moltissime tipologie. La potenza si trova in un range solitamente compreso fra 24 e 35kwh. In più, per necessità, sono state create tre macrocategorie di caldaie: murali, a camera stagna aperta e a camera stagna chiusa.

Le murali sono divise in A, B e C. Tutte presentano un bollitore, ma il primo tipo è sprovvisto di canna fumaria. Quindi dev’essere installato in un ambiente aperto. Quelle a camera stagna aperta hanno invece bisogno di spazi ampi e areati per funzionare, mentre quelle a camera stagna chiusa sono caldaie in grado di funzionare al meglio anche in ambienti chiusi. Sfruttano l’ebollizione dell’acqua per scaldare i termosifoni collegati all’impianto.

I consumi di ogni tipologia di caldaia e i nostri consigli finali

Ognuna delle soluzioni che vi abbiamo elencato ha le sue caratteristiche. Pertanto, ognuno di noi può scegliere quella più adatta alle proprie esigenze. Per quanto concerne i consumi, di certo le più consigliate sono le caldaie a condensazione. Ad ogni modo, per calcolare i costi, è necessario considerare diversi aspetti: dall’alimentazione al rendimento, dall’isolamento termico dell’ambiente alle proprie abitudini di consumo.

Per tutte queste ragioni, una consulenza personalizzata ad opera di un esperto è sempre la soluzione migliore per poter fare la scelta più giusta. Con questi presupposti, vi invitiamo a visionare le caldaie proposte da 121Store e a contattarci per farci tutte le vostre domande!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *